B-Geek 2018: Intervista esclusiva ad Alessio Fortunato

Eventi
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Lo scorso week-end, in concomitanza del B-Geek Festival 2018, la redazione di NerdPlanet, nella persona di Alessio Lonigro, ha avuto la possibilità di intervistare uno dei disegnatori più attivi a talentuosi del vasto panorama fumettistico italiano, Alessio Fortunato.

Alessio, com’è nata la tua passione per i fumetti?

Premetto che ho sempre disegnato sin dalla tenera età e, col passare del tempo, ho maturato la passione per il fumetto: prima si impara a leggerlo, poi si rimane colpiti dal disegno unendo l’utile al dilettevole. Si comincia a leggere sin da piccoli anche se probabilmente i bambini attuali hanno ormai altre esigenze. Avendo sempre disegnato è chiaro che per me è stato spontaneo avvicinarmi al media del fumetto. Avendo frequentato, inoltre, l’Istituto d’Arte e avendo partecipato al primo concorso tenutosi proprio qui a Bari 25 anni fa ho realizzato che il fumetto poteva avere degli sbocchi lavorativi ed un’importanza considerevole a livello professionale. Da quel momento ho cominciato a collaborare con varie case editrici fino ad arrivare alla Bonelli con cui lavoro da circa una decina d’anni.”

Cosa ne pensi del panorama fumettistico italiano e straniero?
Non ho mai seguito molto il fumetto americano poiché non sono mai riuscito ad appassionarmi ai supereroi. Il mio è sempre stato un approccio al fumetto più particolare in quanto ho sempre amato il genere horror, sin da piccolo. Il genere horror è sempre stato più presente all’interno di questi mercati, sia in Italia, attraverso la Bonelli, che in Europa. Allo stesso tempo, molti amici e colleghi, tra cui lo stesso Carmine Di  Giandomenico, lavorano per svariate case editrici americane. Il mercato europeo e quelli italiano in questi ultimi anni ha ripreso quota e, dopo essersi appannato un po’, è tornato sui suoi passi. Molte case editrici hanno aperto una collana dedicata proprio al fumetto tra cui la Feltrinelli o la Mondadori e, pertanto, il fatto di aver aperto al fumetto una realtà editoriale più “seria” la dice lunga. Almeno in Italia il fumetto ha ripreso quota laddove in Francia è sempre stato in libreria insieme ai grandi classici: la letteratura disegnata francese ha sempre avuto un ruolo molto importante nella cultura e nell’inserimento.

Cosa ti piace di più di questo lavoro?

Amo raccontare per immagini. Sono un amante sfegatato del cinema ed ho studiato scenografia. Quindi per me il cinema è fumetto e il fumetto è cinema. Quindi ciò che mi entusiasma e mi appassiona di più è questo raccontare per immagini, esattamente come nel cinema. Anzi, probabilmente il disegnatore ha un ruolo anche più completo all’interno del fumetto poiché è regista, è sceneggiatore, è direttore della fotografia, è scenografo o costumista. Il disegnatore abbraccia tutte le maestranze cinematografiche.”

Quale consiglio daresti ai giovani fumettisti che hanno deciso di intraprendere questa carriera?
Il fumetto è abnegazione. Non si deve pensare di poter arrivare subito a dei risultati anche se ora con le nuove tecnologie è decisamente diverso poiché i contatti sono diventati maggiori però si tende ad avere fretta. In realtà non bisogna avere fretta ma, al contrario, si deve lavorare tantissimo. Il disegno è un’urgenza e, se per te non lo è, forse la carriera del fumettista non fa per te.”

NerdPlanet.it ringrazia caldamente Alessio Fortunato per la sua disponibilità.

Altri articoli in Eventi

Milan Games Week chiude con 162.000 presenze!

Alessandro Niro8 ottobre 2018

ROMICS XXIV – Programma di Venerdì 5 Ottobre

Redazione5 ottobre 2018

ROMICS XXIV – Programma di Giovedì 4 Ottobre

Redazione4 ottobre 2018

C.B. Cebulski sarà ospite della Panini Comics per il Lucca Comics & Games 2018!

Gianfranco Autilia3 ottobre 2018

Charlie Cox alla Milan Games Week 2018!

Redazione28 settembre 2018

Daunia Comics & Games 2018, gli eventi che abbiamo visto per voi

Gianfranco Autilia22 settembre 2018