Eventi
Marco Pasqualini
Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Si è conclusa Domenica la prima edizione del Be Comics di Padova che ci ha visti attivi come media partner alla manifestazione.

Come primo aspetto urge sottolineare e ricordare di trovarci di fronte a quella che può essere stata l’alba per un progetto che potrebbe, in futuro, vedere la città scaligera quale punto di riferimento del settore per quel che riguarda il nord est.

Padova è di suo una città strutturalmente e visceralmente a misura d’uomo e questo aspetto è stato anche una pregorativa del Be Comics in quanto è stata palese la scelta di iniziare il processo in piccolo e badando al sodo, sia per ciò che riguarda l’organizzazione sia per gli ospiti intervenuti e le proposte offerte, le quali hanno privilegiato senza troppi fronzoli il panorama editoriale del fumetto italiano e non necessariamente mainstream.

Sandro Cleuzo, character designer e animatore di fama internazionale

Chi si aspettava di trovarsi in un contesto in cui il mercatino e il merchandise da fiera facessero da padroni ha dovuto constatarne il contrario. Poche le possibilità di distarsi dal vero protagonista delle tre giornate: il fumetto, per la precisione quello tricolore e possibilmente indipendente.  Il clou della manifestazione è stata addensata nel pulito e ordinato Centro Culturale Altinate San Gaetano che conteneva i vari stand : giusto sottolineare di essersi trovati in  un contesto che permetteva al pubblico e agli autori/disegnatori di interagire tranquillamente tra di loro e di eliminare, nel suo piccolo, quella barriera che spesso si crea in tali caotiche manifestazioni.

 

Le altre zone sparse per la città, non particolarmente distanti tra loro,  offrivano un corner dedicato rispettivamente al Giappone, uno per i giochi di ruolo/tavolo.  A Prato della Valle era anche presente il palco che ha visto l’interessante esibizione di un piccolo gruppo di Idol Giapponesi che effettivamente ci hanno dato la possibilità di capire come mai in oriente sia tanto popolare il fenomeno.Vedere queste artiste dal vivo è stato divertente anche se, a dirla tutta, il pubblico un po’ disorientato non ha espresso particolare entusiamo.

Ci auguriamo in futuro che una splendida location come Prato della Valle possa riempirsi in queste giornate di fiera di un gremito gruppo di Cosplayer in quanto la grandezza dello spazio e la sua evocativa conformazione lo rendono un suggestivo scenario. Non erano purtroppo molti i temerari Cosplayer ma complessivamente di buona realizzazione.

Altri articoli in Eventi

Grande successo per Cartoomics 2019: Oltre 100.000 presenze per la 26a edizione della fiera più importante del nord italia

Francesco Damiani12 Mar 2019

PLAY 2019 – Disponibile il Survival Kit in edizione limitata

Andy Bercaru11 Mar 2019

Cartoomics 2019: ai blocchi di partenza la 26a Edizione

Francesco Damiani6 Mar 2019

Cartoomics 2019: Domenica 10 marzo evento speciale di chiusura con Emis Killa

Francesco Damiani4 Mar 2019

Cartoomics 2019 – La DJ Kelly Hill Tone sarà presente alla fiera milanese

Luca Paura28 Feb 2019

Cartoomics 2019: Tre Bat-illustratori per celebrare gli 80 anni di Batman

Giulio Pio Dima28 Feb 2019